Rombo

Tuono assordante
che scuoti le membra
e sovvieni il sonno
del mio pensare

Lontano il silenzio
che di brume sopite
riempiva gli sguardi
lontano il rimirare
di paradisi perduti

Rombo ora chiama
che assordanti note echeggia
e di vita sussulta infinito

Altre opere di questo autore