Il tempo

Lascerò che il tempo
apra la gabbia 
e faccia svanire ad una ad una
le mille facce del dolore
faccia cucire dal domani
le mille ferite di ignoranza e presunzione

Lascerò che il silenzio scenda
e coperta di terra la radice spezzata
ne faccia germogliare gemme
come ramoscello di ciliegio

Lascerò che la neve copra
l'amaro del cuore ingrato
che ne raggeli la vita fino al tramonto

Lascerò che il tempo 
torni a cantare ticchettii argentati
a ballare al suono di antiche ballate
a disegnare al ritmo delle amiche maree riccioli alle fate

Lascerò che torni primavera
a sciogliere freddo e nebbia
a guidare i miei passi
fino alle rive di Avalon

Altre opere di questo autore