Ho sete del contatto

 

Ho sete del contatto dolce

Della sua pelle morbida

Che vorrei baciare

Sentirne il suo profumo

Tu neretta virginale

Coi tuoi occhi lampi e fondi

Estremamente vivi di bimba

Che adoro io vedere

Come anche ascoltare

Se non dovessi temere

quel grigiore appiattito timoroso

confuso di me stesso tra la gente

Io sarei da te ridente

E ti abbraccerei d’affetto

Potessi abbattere barriere

Per vedere il tuo magico sorriso

Io ti amerei teneramente

Io ti donerei me stesso

Vorrei spingermi oltre

In quel suo paradiso

Innocuo e innocente fatto di realtà

Rivivendo nuovamente insieme a quell' età.

 

Altre opere di questo autore