I raggi

 

 

I raggi

 

Trafitti

da un obliquo

raggio di sole

occhi accecati

per un attimo

socchiusi

e stretti.

Sole radente

invernale

freddo,

è solo una freccia

scoccata

dal cielo

in radiosa giornata

immacolata

come delusione

fresca.

 

Lo stesso effimero

tragitto

scolpisce statue

rigide di ghiaccio

coperte di neve.

 

Mentre i suoi messaggi

colti dal cielo

rossastro a sera

splendente al mattino

fuor dal grigiore

di giornate perse

incompiute,

raggi tersi

di lune piene

riflessi

nei miei occhi.

 

Loro ferendo a vuoto

colpendo di spada

su tutto

contro tutto

I disinvolti raggi

a perpendicolo

nel meriggio

assalgono stravolgono

Scolpendo luci d'ombre.

Altre opere di questo autore