Continuit

Un'onda.
      Ancora un'altra
           e avviene la nascita...


Un'onda.
     Ancora un'altra
          e come mare
          emerge imperterrita la vita.


Sospinte
alle lunghe fronde
della sera
raggirano fitti
i passi-cammini,
scorrono confusi
come ignote spirali
accoglienti giacigli
        soli
           di notte
        lune
           di giorno
       gioie
           di niente
       dolori
           di tanto.

Un'onda.
     Ancora un'altre
                e un'altra ancora.

Si sottrae la ghiaia
sottomessa ripulisce
calcarei fondali
sgretola marmoree rocce...
E' il dono più grande
miracolo d'amore
il fragoroso andirivieni
smaniosamente continuo:
         la nascita
                      endogena
         la morte
                   esterna.
In mezzo all'onde
la corsa del mare
        si perde...
                  poi
         si ritrova
                  e annega...
Rinasco
         ogni istante
e muoio ogni istante ancora
             fino
                 al tremore
                              dell'ultima onda


                     Copyright
                        Paolo Musolino





Altre opere di questo autore