Finalmente

Un'immagine che si riflette
dentro la vita
ricordi scivolano odorosi,
porgendo ancora la mano
verso il roseo pesco.
Ascolto l'eco del mare
giunge sonoro
quasi musicale.
Sorrido al pensiero
di vedermi bambina
senza tristezza,
tra le conchiglie
con spensieratezza.
Quante verità avrei
nel domani scoperto
nell'amore
negli affetti.
Nulla è perfetto
- Siamo imperfetti -
Colgo sovente
tra i tanti versi
di mia ispirazione,
un po' di consolazione.
Sfumature di me
che non sapevo d'avere.
Coperte dagli accadimenti
come bucaneve vestiti di bianco,
si son sciolte
come gocce di rugiada al sole.
Acquerelli a tinte tenui,
adornano le pareti di quest'anima
appesi dentro e fuori.
Istanti d'immobile speranza
governano premurosi.
Quante verità troverò ancora
nell'essere io
per essere me stessa,
in questo gioco ineffabile
che si chiama vita...
Finalmente sono io.

Altre opere di questo autore