UNA FRASE PER RIFLETTERE

Superbia, invidia ed avarizia sono le tre faville che hanno i cori accesi

LA MIA PRIMAVERA 21-10-2006

pennabianca
Nel mio silenzio cammino, Viali senza nome,acerbe verit?, incise.come lapidi d?amori ormai passati. . Sensazioni di sguardi nascosti, Accompagnano il mio passaggio, Emergono striduli di foglie ormai morte. Senz?altra vita,rivestono soffice il mio percorso. Affinit? offuscate,accaldati corpi senza volto Nell?ombra della sera. Aggrottai le spalle, nel vedere la luna Trafiggere le ormai spogli rami. Sbilenco. Afferro per mano i miei pensieri e nel cuore, Ricordi di primavera, Il tempo a siglato e il mio passare. Un sorriso si affaccia nel mio cuore Dandomi ancora oggi la gioia di vivere.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Dedica
Opere pubblicate da questo autore: 2
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative