Sonetto di Flame e Pecco sul tempo che fugge S

Questo tempo affannoso che scivola tra le dita d?una mano che tenta invano d?afferrarlo - ma ? nuvola che si dissolve veloce e contenta - fa incavolare ma non s?incavola, va troppo veloce e ci disorienta, ci toglie dispettoso da tavola, ci fa cibare della sua polenta. Mangiando polenta, bevendo chianti proviamo a zittir la pendola lesta e allegramente diamo voce ai canti credendo sia possibile una festa, ridendo per non soccombere ai pianti, salvando i gesti, in attesa di gesta.

Altre opere di questo autore