L'acqua del giorno e della notte

S?? di nuovo aperto il cuore che di pioggia lunare si veste come quello in bianca pietra dello scoglio innamorato. Un sogno celato fra antiche nubi cullanti al ritmo d?ogni tramonto e che rende vibrante la tua perlacea pelle intatta ed indissolubile alla mia. Vorrei stringerti come questo infinito golfo cinge il fianco alla sua terra e tenerti fra le braccia assaporandoti come l?onda conquista la terra ad ogni alba d?estate. E mordere il delicato sapore delle tue labbra che di sale hanno il gusto nelle tenere sembianze d?un mare quieto. E rincorrerti come il sentiero che s?inerpica fin sotto il faro ad illuminare di giada gli occhi, per renderli acqua in ogni tempesta d?emozioni. In mare getto la pietra della mia sete per avvolgere in cerchi concentrici il desiderio d?averti carne nella mia carne e sogno dei miei segreti. ...e mai pi? acqua sar? cos? conciliante?

Altre opere di questo autore