MIO BENE

Mio bene, mio core palpitante di tal ardor che nulla tiene nel cor mio sento il foco, il ferro rovente della lama che lo trafisse pur di giunger a s? bel fiore mille e pi? miglia attraversai per giunger teco nell'alcova da te prescelta nessun potr? fermar quella fiamma accesa dal nostro amor benedetto dal signor che nessun villan o nobil uomo tenti di cavar profitto da si bell'unione che nostra era e tal sar? per tutta l?eternit?

Altre opere di questo autore