Monologo di un innamorato

Che buia questa notte. L’unica luce che scorgo ? quella dei tuoi occhi. Dovrei sentirmi come in una calda giornata di agosto con il sole che penetra nei vestiti…. Invece… Sono da solo nella mia stanza con la mia penna ed un vecchio diario, che racchiude le litanie del mio cuore. Tu esisti, ti vedo nella foto che ho stampato carpendola da una pagina web e ti posso vedere anche una volta la mese. C’? un solo problema. La mia passione ? troppo forte e sapere che tu non puoi essere mia da subito mi rende ancor pi? fragile. Certo, non sono una persona facile, ho i miei mille difetti che per fortuna non conosci. Quello che sai di me ? poca cosa, forse … Ma i miei occhi sono un libro aperto che non aspetta altro che di essere letto. Sono mesi che ti penso e ti desidero, forse ancor prima che ti materializzassi ti amavo. Se soltanto immaginassi ci? che provo fuggiresti, forse… ma in cuor mio sento che la via pi? giusta ? quella sin qui percorsa. Mai e poi mai avrei pensato di potermi innamorare di una cantante, ma l’amore non ha confini e regole prestabilite. Non lo nego, l’idea di poter sfiorare il tuo viso ed il tuo corpo mi inebria. Son convinto per? che se spingo troppo il piede sull’acceleratore ti perdo e sbando con questa macchina in cui ? posizionato il mio cuore. Cosa posso fare allora? Io ti voglio, ti desidero, ti amo e ti adoro. Perch? questo sogno diventi realt?, ed affinch? le mie notti buie siano sempre illuminate dai tuoi occhi, non posso che lasciare al tempo la possibilit? di offrirmi l’occasione per dichiararmi in modo esplicito, inequivocabile ed irrevocabile. Ho una certezza ormai, se il mio sentimento ? perdurato per cos? tanti mesi e si ? rinvigorito non ? certo il solito colpo di fulmine che dura una stagione. Quello che provo per te ? un sentimento che segue la stagione del cuore, non della sola passione e dell’attrazione fisica. Se cos? fosse avrei gi? perso in partenza, invece son convinto che vincer? fosse anche tra molti anni ma ti ricorderai di me. Quello che sento non muore con la vita, la oltrepassa e rimane come memoria di un amore sublime ed infinito.

Altre opere di questo autore