Muwashshaha del

Non ? vero che la tempesta ? anticamera d'una festa. Mi sveglio con l'acqua del cielo e nel silenzio mi tutelo come pagina di vangelo che disconosce ogni protesta. L'anima mi si arrugginisce, mi strizza sale , mi ferisce finch? nel nulla m'ammortisce ogni speranza che mi resta. Sul catafalco del dolore spengo i sogni e senza rumore asciugo tracce di sudore sul corpo mio ormai cartapesta. Or ? la morte a far la siesta tra 'l bisbigliare delle voci che cincischiano nella cesta il corpo dello schiaccianoci.

Altre opere di questo autore