'N'aquila saggia

Penzorno tutti che s'era rimbambita
quanno l'aquila, spilucchianno ‘n verme,
arzò de botto ‘a voce, risentita:
"Sorelle, da oggi se dovemio da sta ferme,
lassamo a l'ommini de cercà le prede,
famose veggetariane, damose a la fede."

"Cercamio de fa coppia co' le vacche,
nun nutrimose più de ‘sti poveri animali
e damose alla ricerca de le bacche,
magneremo ugguale." e abbassò le ali
guardanno ‘ntorno pe' cercà conforto
da tutti quelli ch'ereno a rapporto.

Uno de l'aquilotti drento ar nido,
poco convinto de vive ar veggetale,
arzò er collo e, co‘n fare ardito,
disse: "Io ciò da cresce, si me fa male
banchettà co' li topi e le ranocchie,
nun volerò de certo co'r pieno de pannocchie."

La madre j'arrispose lesta lesta:
"Lasselo a la ggenie umana fa le straggi,
pe' quelli ammazzasse è ‘na festa,
noi che volamo ‘n cèlo semo saggi ...
ar massimo, si proppio nun vòi la verdura,
mettete appresso a li sordati de ventura."

Altre opere di questo autore