Nun ci? rimpianti

Tra le scaje de la pelle
che cià sapore de antico
sorteno fora da li pori
foto stinte der passato

Passeno davanti a l'occhi
sò come schegge
ch'ariempieno er còre
de dorcezza.

Nun è ‘na sorfa che m'annoia
scrutà tra li ggiorni
de quann'ero ‘n fanello
co' li vestiti rimessi a modo
da mani de sartore.

Nun eravamio firmati
e nimmanco ‘npomatati
ma l'allegria arivava
ner costruisse ‘na cariola
co' quattro cuscinetti
a fa da ròte ...
era mejo de 'n fesso videogioco.

Annà arrubbà le pesche
da l'arberi de li contadini
quanno er zole
poggiava verso tèra
nun era rubberia
sortanto ‘n gioco
ch'ariempiva er giorno de sorisi.

Rimescolà li ricordi
me renne ‘sto viaggio
verso er porto de la vita
più facile da fallo
e puro meno noioso
co' le vele gonfie d'aria serena.

Chissà si ‘ste parole
che sanno de certezza
me resteranno ‘n testa
chissà si me le leggeranno
‘nzieme a l'ojio  santo ...
Però ve garantisco ...
Io nun ciò rimpianti!

Altre opere di questo autore