Ombre di rimpianto

Fermo tra le nebbiosità del tempo
tratteggio le colline tra i tuoi seni,
come un pittore senza più i colori
cerco una tela dove immaginarti.

Oh fragile corpo che mi fosti accanto
serpeggi nella mente come un tarlo,
del desiderio mi logori il pensiero
e chiusa m'appare ogni protezione.

Sono una vela che non respira vento,
smarrito tra i momenti dell'amore,
getto ai miei occhi i lontani istanti
che del tuo amare sono una prigione.

Scosso il rimpianto ora mi percuote
e martella a colpi secchi nella carne,
chiede al corpo in sogno di sparire
così che trovi pace questa mia sete.

Altre opere di questo autore