Co' 'sto San Valentino!

Che ve posso dì, ‘sto San Valentino
pe' me è ggiorno che nun è diverzo,
me sa de pane secco ‘ntinto ar vino
‘nzomma ‘na cosa annata de traverzo.

Si m'urge de fa' contenti osti e fiorai,
potrebbe fallo certo ‘n antro ggiorno,
mejo ‘na bella cena ‘n casa casomai
senza l‘intrujio de rose rosse ‘ntorno.

Quanno ce se vòle bbene pe' davero
nun è ‘sta data che t‘alliscia er còre,
lassamo la Peruggina annà a lo zero.

Su, damoje a l'ore nostre quer sapore
che fa sortì nell'anima tutta la voja
de vive ‘nzieme senza provà la noia.

Traduzione (per chi non è romano)

Cosa posso dirvi, per me San Valentino
È un giorno come un altro
Che non sa di nulla
Anzi, mi va quasi di traverso.

Se sento di portare a cena o regalare fiori alla mia donna
Qualsiasi giorno è buono
A San Valentino meglio una cena in casa
Ceek to ceek e senza rose

Se si vuol bene per davvero
Non c'è soltanto questo giorno per dimostrarlo
Questa è una festa consumista.

Dai, dimostriamo l'amore in tutte le ore
Così che la vita in due sia sempre serena

Altre opere di questo autore