L'otto de Marzo

Si se n'accorge Cristo de ‘sto fatto
ch'a le donne ‘n giorno j'hanno dato,
uno sortanto a le signore der creato,
stamo certi nun sarebbe soddisfatto.

Lui, che la fece convinto ‘sta maggia,
de certo nun gradirebbe ‘sta ggiornata:
"La donna io la creai p'esse onorata
e nun sortanto pe' faje fà compagnia"

Eppoi: "Ommini beceri e ‘gnoranti,
v'ho rigalato ‘n fiore, ‘na primizzia,
‘na luce che v'arriscalla tutti quanti!

‘N ggiorno lo penzate ‘na delizzia?
A tutte l'ore dovete daje la guazza ..
daje l'amore certo nun v'ammazza!"

Traduzione:
Se Cristo si accorge del fatto
che gli uomini hanno assegnato
un solo giorno di festa alle donne
di certo non è soddisfatto
Lui che ha creato la donna sicuro che fosse una magia
questa festo di certo non la gradirebbe
Direbbe: Io ho creato la donna perchè sia onorata
e non soltanto per fare compagnia agli uomini
E poi: Uomini bcerei e ignoranti,
vi ho donato un fiore, una primizia
la luce che vi illumina tutti.
Un giorno di festa lo pensate il massimo?
Ad ogni ora dovete darle onore (guazza)
amarle è cosa che vi da la vita.

Spero che ora si capisca


Altre opere di questo autore