'A boria

  C'era ‘na vorta ‘n rospo brutto e grasso
co' tante rane che je faceveno corteo,
sempre ‘ncantate, je davano er passo
pronte a lustrà ‘e scarpe a ‘sto babbeo.

Er rospo, ch'era capoccia der laghetto,
ciaveva convinzzione d'esse ‘n saggio,
dettava legge e s'arigonfiava er petto
facenno vede d'avecce gran coraggio.

Ma ‘n giorno ‘n serpe arivò striscianno ..
‘e rane, ‘mpaurite, se diedero de corza,
co' na gran fifa nera sparireno sartanno.

Er rospo, ‘mpegnato a gonfià ‘a borza,
nun vide er serpe magnasselo de botto ..
morale: er capo tronfio deve fa' fagotto!

Altre opere di questo autore