N'agnello sfortunato

Er segretario rimase 'n po de sasso
ner vedesse a la porta quell'agnello
a pelo dritto e l'occhi fora dar fosso.
«Nun è ora amico» disse, e quello:

«Sete o nun sete voi la protezzione»
belò 'ncazzato: «Nun ve vanno detti
li guai de tutti l'animali poveretti?
Oprite 'sta porta e dateme audizzione!»

«Qui semo ar vuvueffe» co'n mugugno,
«mica a la sala d'un pronto soccorso!
Si c'hai da reclama', daje de porso!»
e je sbattette un modulo sur grugno.

L'agnello uscì de corsa dar palazzo
e, schivanno er lupo co 'na mossa,
prese a urla' co la voce da pazzo:
«Aiuto, aiuto, questo m'affossa,

me magna, m'arinturcica, me sgozza!
Quarchiduno me scriva 'na protesta
mentre che io me evito la festa!»
e lanciò er fojio verso 'na carozza.

«State accorti però all'ora ggiusta:
lì ascorteno solo chi è puntuale!
Je frega propprio gnente si stai male
e si er lupo te pija e te s'aggiusta!»

Altre opere di questo autore