Mela perduta


(ancora un po' di vernacolo ...) 


Ecchete de fronte co' l'animo confuso
a riccontamme quanto hai consumato
drento ‘sta storia indove t'ho ‘nfilato
e quanto te costa quello c'hai profuso.

Me dichi: "Lui me pare quello bbono,
è dorce, attento, c'or core se difenne,
poi puro a letto, giuro, se da ‘n tono",
e lo stommico un rospo me lo prenne.

Vedo la luce svanimme da lo sguardo,
le vene attorcijasse: so' rotoli de fero...
Porco de Budda! Monno mio bastardo,

dimme che nun ho ascortato er vero!   
Er frutto mejo che in natura è nato
passa de mano .. e io so' disperato!

Altre opere di questo autore