Cento strade .....

Cento strade senza percorso hai lasciato in questo cuore, donna che amai. Il vento che ringhia nella bufera s'era nascosto nelle grotte del nulla, quando t'amai. Ora il vento ha lasciato le spire del sonno squassando il verde che incorona l'estate, e tu, tu dove sei? Silente ricordo di donna, sei forse tra i monti del sogno che sempre scalammo, ebbri di baci? Solo, come una barca senza remi attraccata ad un molo senza acque, io vivo ancora di te. Corpo agile e bianco e profumato, ti vesto di baci nascosti e caldi e violenti, ancora, sempre.

Altre opere di questo autore