In memoria

Nascesti in una casa senza dolori, i tuoi occhi si aprirono al mondo e tutto intorno a te gioiva, era perch? la tua vita iniziava. Crescesti, timido eppur rigoglioso stelo, in quegli anni distratti dai lutti. Fanciullo eri gi? quando il male ti tolse dai giochi innocenti e la tua bellezza infantile intrist? nel bianco di un letto. I giorni si accavallarono gli uni agli altri e tu li vivesti da forte, sapendo che mai pi? la tua strada avrebbe ripreso a snodarsi spedita. Un giorno chiamasti la morte, essa ti prese nel sonno e liber? dalla noia del mondo il tuo spirito inquieto.

Altre opere di questo autore