Da lontano quasi sembra nero

Da lontano quasi sembra nero il sempreverde ove ora il vento stormisce nel cupo di novembre, come allora una mano straniera ti scompigli? il groviglio fluente della chioma scura. Ah, l?ombra di te che mi ghermisce nell?ora gelida che affossa l?occidente! Cos? i tuoi capelli si inanellarono sulla nuca bianca, e tu sorridente cedevi al mio nemico. Mi sembra che gi? taccia il vento, e la sera d?autunno s?oscuri indifferente?

Altre opere di questo autore