DISSOLVENZA

Ho piegato Chiese in fogli di carta candele sempre accese la cera si consuma cola ingoia pensieri nulla torna fra i ricordi in bianche pareti consunte panche allineate da sempre nel senza tempo del non ritorno via lontano si spengono sorrisi le barche si arenano lontano dal porto prendo e trascino la mia triste croce. Mi dissolvo in stille di luce. Roberta Vasselli Venezia, 12 maggio 2007 www.robertavasselli.com

Altre opere di questo autore