Ci si sporca le mani

...e subito ti  ho amato senza rete...

ma pur se dentro me

conservassi un rifugio

per non perdere

del tutto la ragione,

come potrei vivere

non sporcandomi le mani

di questo amore lucente?

 

Ci si sporca le mani...

mani che invadono l’anima...

anima che si sporca

anche dell’oggi,

che mi trema dentro

quando un tuo bacio mi accarezza,

anima imbrattata

di carne e sangue e non solo d’Idea...

non immagine sacra,

non simbolo né icona,

solo cuore che schianta

contro un muro di granito,

petto che urla senz’aria...

 

Ci si sporca le mani,

ma è gioia che invade ogni fibra,

è vita dell’anima,

mutare un mio gesto abituale

per la gioia dell’essere insieme...

perché senza te è nero ogni sorriso,

è tenebra che inghiotte anche la luce,

morte senza morire per rinascere...

ed ormai...ho sporche le mani...

Altre opere di questo autore