La voce che sa muovere le ali

Perch? non m'hai creduto? Ti ho invaso lo sguardo e non mi hai visto eppure sempre ti dicevo: - eccomi, m?hai cercato, sono tua, dovrai dividermi sempre con qualcuno - ma tu, come sempre, a dubitare: - Chi sei? Sei tu davvero ? Non m?ingannerai? Gli alberi a maggio non sanno dell?autunno le nuvole hanno dietro le spalle il sole e negli occhi ore di pioggia, i bambini non sanno il vero pianto, di quando si sgretola il fianco delle cose - Cos? mi uccide il dubbio tuo, ed io felicit? che legge nel tuo cuore mi ritrovo ad essere infelice, prigioniera del tuo peregrinare chiusa nel tuo pugno che non s?apre. Ti ho aperto le palpebre a un sorriso nuovo ho scostato i dubbi come drappi neri: non hai sentito cantare, muovere le corde, non hai visto illuminare a giorno il soffitto, le pareti della stanza scura? Lascio qui il bacio dissepolto, lo troverai fra le pepite d?oro ma dovrai rinunciare alla paura, combattere come un cavaliere trafiggere l?ombra solo con un fiore Questo diamante non serve a farci belli, ? la luce che l?anima incastona negli occhi liberi, - oceani larghi, profondit? del mare - come la bellezza che si nasconde per pudore

Altre opere di questo autore