IL NARRATORE

Ho vissuto migliaia e migliaia di anni, centinaia e centinaia di vite ; ed è per questo che ora, sebbene sembri di giovane aspetto, ogni mattino apro gli occhi e sento un’ immane stanchezza dentro di me, scrutando un cielo che non mi mostra più alcun colore, un futuro che non può più celare alcun suono.

Anche voi, al pari di me, avete vissuto : imprese magnifiche e disperate tragedie ; esistenze regali ed abiezioni disumane ; sì, anche voi siete migrati di era in era, di paese in paese ; ma voi, oh fortunati, non rammentate nulla. Per questo vivete felicemente immersi nei vostri giorni, istante dopo istante, in un modo che credete vi appartenga, come voi appartnete a lui.

Io, invece, ricordo.

Ricordo gli universi infiniti, i cieli immensi, gli antri oscuri, le guerre più atroci, i miracoli più incredibili. Sprazzi di vita si rincorrono nella mia mente, tormentano i miei sonni, stancano i miei giorni. Sì, io ricordo.

Ebbene, ora racconterò, perché possiate ricordare anche voi …

Altre opere di questo autore