Vado cantando

Per mare vado
di notte
tra buie tenebre
nell'oceano
di questa vita
con le vele al vento,

vado cantando
come il cieco aedo
forse vissuto,
Omero,

vado cantando
alla brezza marina
i miei piccoli miti quotidiani,
il vissuto più o meno sereno
dei miei tanti anni,
come chi non vede

davanti a sé
perché non sa
qual è il futuro
né vuole saperlo,

vado fidando solo nella fede,
nel mio Dio che mai ci abbandona
nemmeno nel momento della morte,

vado sperando e cantando
e credendo
in un mondo migliore
dove la luce splenda.

Altre opere di questo autore