A passo d'uomo

Incerto come tanti
osservo il mio destino
farmi strada
- se rimango indietro
non è per scelta
questa vita mi rallenta
con i suoi trabocchetti
i curiosi ostacoli di latta
che mi fa trovare
tra i pacchi regalo -

Non accampo scuse
perchè i trofei non m'interessano
mi godo questo ingenuo tepore
sdraiato sull'erba
- se i vestiti si sporcheranno
basterà lavarli
e torneranno come prima -

Il mio tempo è questo
- non lo afferro
non l'inseguo
è qui con me e basta -
il cielo non ne vuol sapere
di corrompersi
e rimane sospeso
solo un leggero alito
mi ritrovo addosso
ma non mi alzo
e lui continua
a disegnarmi occhi sulla faccia
- perplesso -

Altre opere di questo autore