Oggi più di ieri

Il vetro della finestra
è sporco d'acqua
ma l'occhio tuo migliore
non se ne cura
e penetra il paesaggio
usando l'immagini meno scure
ritagliate dai ricordi

Hai le mani fredde
in fondo a due tasche
che non t'appartengono più
- con la lingua
inumidisci le labbra screpolate -

L'immaginavi parecchio diverso
questo presente
quando da ragazzina
salivi le scale colorate della scuola
- sognavi un prato verde
sopra la passione
ed un orizzonte sereno
costellato di fervide luci -

Ma oggi più di ieri
senti l'ardore irrorare
il sangue d'entusiasmo
e non s'abbatte
la tua innocente voglia
d'essere viva
- il dono della generosità
non sarà mai svenduto -

Non hai lacrime da versare
in questa sorgente di primavera
perchè sei già fuori
ad innaffiar le margherite
e le foglie d'erba
dell'Irlanda più vera

Altre opere di questo autore