Il mio giardino

Coltivo mille rose nel mio giardino,
ed un centinaio d'altri fiori,
le aiuole sono una bolgia di colori.

L'aria frizzante non resiste un'ora,
e s'abbandona
alla preziosità dei suoi profumi.

Alcuni sono bianchi con sfumature rosa,
altri hanno petali rossi e steli quasi inermi.

La Sevilliana mostra il suo arancio
che si traveste spesso di scarlatto,
l'Etoille de Hollande brucia
sotto i raggi del sole,
ostenta il suo vivo sangue,
come fosse amore.

Le fresche fresie s'aprono generose,
difendono la loro dorata ricchezza
sui bocciòli a forma d'urna,
e nasce un'allegra risata
dal loro apice appuntito.

Io esco al mattino presto,
quando le api non si sono ancora svegliate,
ed il sole non è che un lontano sentore,
un occhio impreciso
che si riflette appena
sulle coste impavide della mia anima,
il mio languido giardino.

Altre opere di questo autore