L'IMMORTALITA' DELL'ANIMA


Napoli, il giorno di Ognissanti, ore 16.

Ciro Aristotele e Gennaro Platone sono due unici ed ineffabili personaggi partenopei, già noti per altre semiserie disquisizioni filosofiche in cui spesso si avventurano, nella consolidata presunzione e convinzione, che deriva loro dal portare i nomi di due massimi filosofi greci, di essere “geneticamente” preparati e mentalmente adatti ad argomentare filosoficamente su qualsiasi materia.

 

Come spesso accade Gennaro, che non ha un’occupazione fissa, si trova nella pizzeria del suo grande amico, nonché “collega” Ciro.

Nell’intervallo tra l’impegno dell’ora di pranzo e quello serale, Ciro si concede un po’ di riposo che spesso condivide piacevolmente con Gennaro, ben sapendo che in queste occasioni si accendono delle dispute filosofiche, anche molto intense e controverse, come si addice alle due scuole di pensiero che dai loro “antenati” trassero origine.

I due pensatori, stanno seduti, in molle abbandono, intorno ad uno dei vecchi tavoli di ferro e marmo bianco, al cui centro spicca una bottiglia di vino rosso di Lettere con, accanto, due bicchieri appena iniziati.

Stanno assaporando con tutto il gusto e la bonomia napoletana, quei minuti di assoluto rilassamento.

“Né Ciro, dimane o sape che juorno è?” Domanda con grande flemma Gennaro.

“Certamente Gennaro ch’o sape: è o juorno dei muorte, o doie novembre!” Risponde Ciro un po’ piccato.

”Bravo, Ciro, bravo. Vede ch’a ssì appriparato!” Replica Gennaro con la sua solita aria di sufficienza.

“E ggià! Borbotta Ciro a denti stretti. “E pecché m’avisse fatte st’ addumanna?” Incalza.

“Pecché stavo penzanne a nu raggiunamento sulla morte!” Risponde Gennaro calcando teatralmente la voce sulla parola morte.

“Maronna mia, oggi stai cchiù allero d’o soleto, eh?” Dice Ciro, agitandosi sulla sedia e manovrando gli scongiuri del caso con le mani sotto il tavolo.

“Uè Ciro, nun’è comme penze tu, tu ‘o sape ca io me chiamme Platone e quanno penze a ‘na cosa è pè raggiuna su essa”.

Segue una pausa silenziosa in cui Ciro guarda con sospetto il suo amico ed intuisce che egli si sta lanciando in una disputa filosofica, nella quale lo coinvolgerà come il solito.

“Caro Ciro, io mi chiedo se sarà vero o no che noi siamo un corpo ed un’anima e, di conseguenza, se quando il corpo cessa di vivere, cessa anche l’anima o no?”

“Oì, sta parlanne in italiane, la discussione filosofica è accumminciata!” Sussurra Ciro.

“Hai detto qualche cosa mio caro collega?”

“No, no niente, pensavo a o ciesse...Ch’hai capite... a, quando uno “cessa” di vivere...a quand’uno schiatte”. Sottovoce, poi, eclama:

 “Putesse murì ‘e subbeto ma che canchere d’argumente aveve a chiavà ‘a fora: ‘a morte! N’aveve ‘e meglio a che penzà?”

“Caro Ciro, come il solito, nonostante il nome che porti, sei sempre lento nell’afferrare l’importanza degli argomenti che ti sottopongo e le loro sfumature. Ma proseguendo il mio ragionamento in base a quello che ho letto e studiato in proposito, vedrai che riuscirò a far entrare anche nel tuo angusto cervello delle importanti nozioni di filosofia su un tema che anche i nostri omonimi hanno trattato, aprendo la strada ai successivi grandi filosofi, ai Padri della chiesa” ed ai grandi speculatori di tutti i secoli fino ai giorni nostri”.

“Azz, Gennà, chesta ha dda esse ‘na discussione de chille pesante, overo?” Poi continua dopo un attimo di esitazione:
“Ma, scusa né, che ce trasene gli speculatori, che sull’aneme ce facevane e ddenare?”

“Maronna mia, cumme sì ciuccio, ed io ca ce perde ancora o tiempo mio cu te! Aroppo, si stai bravo, t’ho spiech’io ca significa a parola “speculatore” ca chello ca penze tu, nun ce trase niente cu o discorse nuosto|”.

Ripreso il contegno del pensatore, Gennaro prosegue:

“Eh, sì Ciro, posso ben dire che è ancora una questione aperta, sulla quale ancora non c’è e, forse, non ci sarà la parola fine!”

“Dunque! Cominciamo dal concetto di anima.”

Così facendo, Gennaro assume un atteggiamento ieratico ed ispirato, degusta un altro sorso di vino e, non senza movenze plateali, inizia ad infilarsi in questa difficile disquisizione, senza sapere dove andrà a finire, come sempre, del resto.
Ascoltiamo.

“L’anima è un corpo, una materia che si può toccare?” Si ferma, osservando Ciro, nell’ attesa della risposta alla sua domanda.
Ciro lo guarda, ma non risponde.

“Uè Ciro sto parlanne cu te o cu ‘no pizzajuolo muorto?”

“Scusa Gennà, penzavo che fusse n’ addumanna retorica!”

“E bravo Ciro, puteva esse, ma nun era, io stave dimannando a te se l’anema è na cosa che se pote tuccà e veré!”

“Aah, e no! Io nun ne agge mai vista nisciuna, né sentuta, né addurata. L’anema è ‘na cosa che c’è, ma nun è consistente, comme e pensiere che ce stanne e come, ma nun se tucchene!”

Ciro, compiaciuto di questa sua risposta, domanda a Gennaro.

“Agge risponnute buono, né Gennà...sono o nun sono Aristotele?”

“Per la tua levatura intellettuale e culturale hai risposto fin troppo bene e da te non mi aspetto di più”.

“Uè Gennà, mò nun accummincià a fa u strunze, cumme o solite e vai annanze!” Gli replica Ciro, dando il via al consueto gioco delle parti che puntualmente si rinnova in ogni discussione, a cui entrambi non rinuncerebbero mai, perché ci si divertono molto.

“Anche le divintà antiche erano accreditate dell’anima, ma essa per loro era consustanziale al loro essere divini”.

“Consu....che?” Esclama Ciro.

“Che parola difficile, pure a dicere...ca significa?”

“Ciro, accussì nun se puote ghì annanze. Tu dice da esse filosofe ma nun canosce e parole d’a filosofia!”

“Gennà, io so filosofe cumme o sì tu, sule che io fatiche quasi tutte e juorne e tu ‘na vota ogne tanto e puote pure leggere e studià, pe’ doppo venì a cà a scassamme o cazz!”

“Va bene, mio caro collega, pur se ti sei espresso in vernacolo, il concetto è chiaro e concordo con te, quindi, sarò paziente e cercherò di acculturarti!”

“Nun pazziamme Gennà...che vulisse fa ...accul...arme, niente niente fusse addiventà ricchione?”

“Ho capito, cercherò di evitare vocaboli troppo difficili per te!” Guardando Ciro di sottecchi:

“Acculturarti, non significa che ti dovrei turare il... hai capito o no? Significa trasmetterti un po’ della mia cultura, cercare di farti crescere  nel sapere...sei sempre Aristotele!”

“Ah! Agge capito. Pè nu mumiente m’ero preoccupate...Continua...”.

“Ti sì cattolico, Ciro, no?”
“Sì so’ cattolico!”

“La con-sus-tan-zia-zio-ne” - Scandendo la parola ad alta voce- “è un sostantivo che indica che due o più cose sono fatte della stessa sostanza. Il concetto della Trinità nel cattolicesimo si basa su questo dogma: Dio è uno e trino, il Padre il Figlio e lo Spirito Santo, sono una cosa sola, pur se tre!”

Gennaro tace per un po’ per permettere a Ciro di “digerire” quest’ostico concetto.

“Posso proseguire?”

“Sì, sì, ho capito è un po’ cumme e pizze gruosse che facc’io, ce stanno tre guste ma a pizza è una sola!”

“Bravo Ciro, un esempio, colorito e saporito, che rende l’idea, bravo!”

Lusingato dall’affermazione di Gennaro, Ciro si mette più comodo e pende dalle labbra dell’amico, con il quale è riuscito ad entrare in sintonia.

“Allora, ho detto che per le divinità anticamente si diceva che l’anima era consustanziale al corpo, ma per l’uomo, che non è divinità, la sua anima non è consustanziale a Dio, non torna al divino, come dicevano anche gli ebrei. L’anima dell’uomo non preesiste prima di lui, ma è creata insieme al corpo, il corpo è una funzione dell’anima, non un’essenza diversa e come tale quando il corpo muore, anche l’anima muore, perché non proviene dal divino, da Dio, non può tornare alla divinità, perché non è mai uscita dal corpo”.

Gennaro riprende fiato e cerca di fare chiarezza nella sua mente per continuare.

“Ora vengo ai nostri antenati. Platone, di cui porto degnamente il nome, distingueva il corpo come sostanza diversa dall’anima, quindi non consustanziale. Invece Aristotele era più vicino al concetto ebraico di un’unità indissolubile di anima e corpo”.

“So tuoste sti pensieri, né Ciro, ma a filosofia è accussì!”

“Dice overo Gennà, so d’accuorde cu te! Ma, riceme del mio antenato, isso nun crereva all’immortalità dell’anema, allora?”

“No! Il suo pensiero collimava con quello ebraico e poi cristiano: se l’anima è creata e riceve la vita dal corpo che la informa e non è divina, come si può sapere se continuerà ad esistere, quando avrà finito d’informare il corpo, come il mio, ad esempio?”

“Bella addumanna!”

“Per i cristiani, siccome l’uomo è anima vivente, solo la resurrezione può fa rivivere l’anima! In questo caso l’anima ed il corpo divengono immortali!”

“Ne deriva caro Ciro che tu che ti chiami Aristotele non credi nell’immortalità dell’anima ed io che mi chiamo Platone sono convinto del contrario!”

“Ah! E mò che succede? Che io m’aggia tenè ‘n’anema che muore e tu un’anema immortale?” Domanda, non senza preoccupazione Ciro.

“Allo stato delle cose ...sì!” Esclama, tronfio, Gennaro.

“Ah sì! Ogne vota ha da fernì accussì: io che so Aristotele, agge sempe tuorto o fernì malamente, pè ttramente ca tu sì Platone, avisse ascì sempe buono, cchiù impurtante e cchiù intelliggente!”

“Ciro, ma questa è la storia della filosofia ed i nostri “antenati” affermavano così...!

“Hai ritto buono, gli antenati, ma o tuio, mica o sapeva ca o nepote fusse stato nu strunzo cumme sii!”

“Ma Ciro...pecchè t’a sì presa, so cose viecchie, noie nun ce trasimmo niente!”

“E’ overo, Gennà, ma me so’ contrariato, ca chillo pover’omme d’Aristotele, cioè io, ha da fa a fiura d’o fesso e siccome stamme a parlà de anema, siente buono ca te dico...l’anema de chi t’è muorto!”

Dopo questa imprecazione Ciro si alza e va al forno per preparare il fuoco e tutto il necessario per le pizze della sera.

Gennaro resta un po’ interdetto ma poi, con la prontezza e l’arguzia tipica partenopea, dice, ad alta voce, a Ciro:
“Uè Ciro...cchiù tarde turno a me magnà chella pizza c'hai detto prima...chella consustanziale...”.

Non fa in tempo a finire la frase che Ciro gli lancia contro un pomodoro S. Marzano che lo prende in pieno viso.

“Non si preoccupi signor Platone...la sua anima sarà immortale ma non certo immacolata!”

Questa battuta fulminante e pertinente, come non mai, scatena una sincera e fragorosa risata da parte di Gennaro, alla quale poco dopo si aggiunge anche quella di Ciro, soddisfatto di aver in qualche modo riequilibrato la situazione.

Si è chiuso un altro piccolo atto della quarantennale commedia recitata da Gennaro Platone e Ciro Aristotele.

 

 

 

Altre opere di questo autore