IL NOSTRO STATUTO
Pubblicità
Art. 1) Costituzione e sede
È costituita un'associazione a carattere culturale denominata "Athena Millennium" ai sensi degli artt. 36 e ss. del Codice Civile.
L'associazione ha sede in Reggio Calabria, Via Reggio Campi n° 30. L'associazione potrà istituire sedi secondarie, uffici, dipendenze sia in Italia che all'estero.
I soci fondatori sono:
Francesco Fulco, Maria Vacalebre, Antonia Marino, Laura Conforti, Anna Comi, Elena Idone, Enrico Strati
Art. 2) Durata
L'associazione ha durata illimitata.
Art. 3) Scopo
L'associazione non ha scopo di lucro e si propone di avere per scopo principale la promozione, lo studio e la valorizzazione culturale e artistica in Italia ed all'estero, di creare occasioni di contatto tra artisti e letterati, lo sviluppo della conoscenza e della cultura, lo scambio delle reciproche esperienze e idee attraverso lo svolgimento di attività culturali in Italia e all'estero, la promozione di iniziative destinate all'approfondimento della letteratura e dell'arte italiana, europea e internazionale.
Per raggiungere lo scopo sociale, l'Associazione potrà utilizzare sia personale proprio che organizzazioni e strutture esterne. L'associazione, nell'ambito dell'oggetto sociale, potrà:
  • promuovere autonomamente (anche in collaborazione con privati cittadini, gruppi, enti e organizzazioni pubbliche) iniziative di studio e di sperimentazione, aventi per oggetto l'arte e la cultura in ogni sua forma letteraria, filosofica, scientifica, artistica ed educativa;
  • stabilire rapporti di collaborazione, nelle forme e nei modi possibili per promuovere ricerche ed esperienze con altre associazioni italiane ed estere o Enti e società interessate, seppure momentaneamente;
  • organizzare concorsi, manifestazioni, convegni, dibattiti, seminari mostre, manifestazioni culturali per privati, scuole e per enti in genere, promuovendo le opportune iniziative presso gli organismi pubblici e privati, per il raggiungimento e la diffusione dei propri scopi;
  • stipulare convenzioni con Enti pubblici e privati, per la gestione di corsi e seminari e/o per la fornitura di servizi, nell'ambito dei propri scopi;
  • favorire la nascita di enti o gruppi che, anche per i singoli settori, si propongono scopi analoghi al proprio favorendo la loro attività, collaborando con essi tramite gli opportuni collegamenti ed anche favorendo la loro adesione all'Associazione;
  • predisporre e gestire un sito Web, redigere riviste e pubblicazioni anche per via telematica, prodotti televisivi e cinematografici, realizzazioni teatrali, CD audio e CD Rom, e comunque acquistare, sperimentare in ogni modo e utilizzare qualsiasi strumento tecnologico e non per il raggiungimento degli obiettivi sociali a cui l'Associazione è preposta. L'Associazione potrà compiere tutte quelle attività che seppur non specificatamente rientranti nell'oggetto sociale, saranno ritenute dall'organo amministrativo necessarie e utili per il buon andamento dell'Associazione. L'Associazione potrà creare un archivio elettronico accessibile per via telematica, atto a contenere informazioni di natura pubblica ed interesse sociale e di tipo non commerciale. L'accesso all'archivio sarà fornito a tutti i soci per via telematica con le modalità stabilite dall'emanando regolamento. L'Associazione non ammette discriminazioni di sesso, razza, lingua, nazionalità, religione, opinioni pubbliche e condizioni economiche e sociali;
  • l'associazione potrà svolgere qualunque altro tipo di attività purché volta al conseguimento delle finalità sociali; mettere a disposizione di tutti coloro che vorranno partecipare alle attività dell'Associazione i prodotti culturali e didattici frutto dell'attività stessa;
  • l'Associazione ricercherà, per il conseguimento delle finalità sociali, contatti e collegamenti con pubbliche amministrazioni, altri enti pubblici e privati cittadini di ogni parte del mondo;
  • l'associazione ha carattere di assoluta indipendenza da Partiti Politici, dalla Pubblica Amministrazione, da sette Filosofiche e Confessioni Religiose ed è senza fini sindacali. Si amministra e determina i suoi programmi ed iniziative in completa autonomia.

Art. 4) Organi dell'Associazione
Sono organi dell'Associazione: l'Assemblea dei soci; il Direttivo; il Presidente; il Consiglio dei revisori.
Art. 5) Soci e Assemblee
All'Associazione possono aderire, previa richiesta scritta al Consiglio Direttivo, in qualità di soci o partecipanti, tutti coloro che condividono le finalità dell'organizzazione, sono mossi da spirito di solidarietà e accettano il presente statuto.
Il Consiglio Direttivo accoglie le richieste di tesseramento avanzate da coloro che ne fanno richiesta. Il richiedente acquisirà, ad ogni effetto, la qualifica d'associato al momento del rilascio della tessera sociale.
I contributi degli aderenti sono volontari e costituiti dalla quota sociale.
Le quote associative, in ogni caso, non sono restituibili e sono intrasmissibili.
Tutti i soci hanno pari diritti e possono partecipare a tutte le iniziative intraprese ufficialmente dall'associazione.
La qualifica di socio può venire meno:
  • per dimissioni scritte da parte del socio;
  • per morosità nel versamento delle quote;
  • per incompatibilità dovuta alla partecipazione (senza informare preventivamente e formalmente l'associazione), ad attività analoghe a quelle sociali intraprese da altre organizzazioni;
  • per deliberazione motivata dell'Assemblea dei soci.
Contro tali decisioni il socio può presentare ricorso entro trenta giorni secondo quanto previsto dal codice civile. (artt. C.C. 2286, 2288, 2518/8, 2524, 2527) In caso di dimissioni o di esclusione del socio, l'associazione non è tenuta al rimborso della quota associativa.
Art. 6) L'assemblea dei soci
È il momento fondamentale di confronto, atto ad assicurare una corretta gestione dell'Associazione ed è composta da tutti i soci, ognuno dei quali ha diritto ad un voto, qualunque sia il valore della quota.
Essa è convocata almeno una volta all'anno in via ordinaria, ed in via straordinaria quando sia necessaria o sia necessaria o sia richiesta dal Consiglio direttivo o da almeno un decimo degli associati.
In prima convocazione l'assemblea ordinaria è valida se è presente la maggioranza dei soci, e delibera validamente con la maggioranza dei presenti; in seconda convocazione la validità prescinde dal numero dei presenti.
L'assemblea straordinaria delibera in prima convocazione con la presenza e col voto favorevole della maggioranza dei soci e in seconda convocazione la validità prescinde dal numero dei presenti.
La convocazione va fatta con avviso pubblico affisso all'albo della sede almeno 15 giorni prima della data dell'assemblea.
Delle delibere assembleari deve essere data pubblicità mediante affissione all'albo della sede del relativo verbale.
Art. 7) L'assemblea ordinaria
Ha i seguenti compiti:
  • elegge il Collegio dei revisori e 3 menbri del consiglio direttivo;
  • approva il bilancio preventivo e consuntivo;
  • approva il regolamento interno.
Art. 8) Il Consiglio direttivo
È composto dai soci fondatori e da 3 membri, eletti dall'Assemblea fra i propri componenti. Questi ultimi svolgono la loro attività gratuitamente e durano in carica 3 anni.
Il Consiglio direttivo è validamente costituito quando sono presenti la metà dei membri.

È l'organo esecutivo dell'Associazione. Si riunisce in media 2 volte all'anno ed è convocato da:

  • il presidente;
  • da almeno 2 dei componenti, su richiesta motivata;
  • richiesta motivata e scritta di almeno il 30% dei soci.

Il consiglio direttivo ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione.
Nella gestione ordinaria i suoi compiti sono:
  • predisporre gli atti da sottoporre all'assemblea;
  • formalizzare le proposte per la gestione dell'Associazione;
  • elaborare il bilancio consuntivo che deve contenere le singole voci di spesa e di entrata relative al periodo di un anno;
  • elaborare il bilancio preventivo che deve contenere, suddivise in singole voci, le previsioni delle spese e delle entrate relative all'esercizio annuale successivo;
  • stabilire gli importi delle quote annuali delle varie categorie di soci;

  • Di ogni riunione deve essere redatto verbale da affliggere all'albo dell'Associazione.
Art. 9) Il presidente
è il legale rappresentante dell'Associazione a tutti gli effetti.
Egli convoca e presiede il Consiglio direttivo, sottoscrive tutti gli atti amministrativi compiuti dall'Associazione; può aprire e chiudere conti correnti bancari e postali e procedure agli incassi.
Conferisce ai soci procura speciale per la gestione di attività varie, previa approvazione del Consiglio direttivo.
Art. 10) Il Collegio dei revisori
È composto da tre soci eletti dall'Assemblea al di fuori dei componenti del Consiglio direttivo. Verifica periodicamente la regolarità formale e sostanziale della contabilità, redige apposita relazione da allegare al bilancio preventivo e consuntivo.

Art. 11) Patrimonio - Risorse e Bilancio
Il patrimonio dell'Associazione è formato:
  • dalle quote sociali e da eventuali contributi volontari degli associati che potranno essere richiesti in relazione alla necessità ed al funzionamento dell'Associazione, la quota sociale è intrasmissibile e non rivalutabile;
  • dai contributi, (anche in forma di quota di partecipazione alle spese dell'attività dell'associazione) di enti pubblici o di altre persone fisiche e giuridiche;
  • da eventuali donazioni, erogazioni e lasciti;

  • da eventuali entrate per attività e servizi svolti in attuazione degli scopi istituzionali dell'Associazione.

Le risorse dell'Associazione saranno impiegate essenzialmente per gli scopi di cui al presente statuto.
È previsto l'obbligo di redigere e di approvare annualmente un rendiconto economico-finanziario secondo le disposizioni statutarie.
Art. 12) Scioglimento e liquidazione
Addivenendosi in qualsiasi tempo e per qualsiasi motivo allo scioglimento dell'Associazione, l'assemblea dei Soci determinerà le modalità della liquidazione, nominando uno o più liquidatori.
In caso di scioglimento dell'Associazione, il patrimonio residuo verrà destinato ad altra associazione con finalità analoghe, ovvero a fini di pubblica utilità, in quest'ultimo caso dopo avere sentito l'organismo di controllo di cui all' art. 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996, N. 662, e salvo diversa destinazione imposta dalla legge X - Norme Generali.
Per quanto non disposto dal presente statuto valgono le norme del Codice Civile e le leggi dello Stato sull'associazionismo.
Il presente Statuto può essere modificato in ogni momento dall'Assemblea dei Soci convocata ad hoc.