Esistere

Rannicchiata dietro alla poltrona
che faceva da scudo al mondo vano e fatuo
in meriggi assolati
mi perdevo nel mio non esistere
Senza sapere, che tu c'eri "volevi esserci"
Ci specchiammo in acque cristalline
riconoscendoci nella nostra univoca essenza
poichè io esisto del tuo esistere.

Altre opere di questo autore