NUVOLE SPEZZATE

 

Nuvole spezzata dal vento,

 

sparse in frammenti diseguali

 

che errano disordinatamente

 

contro un cielo cangiante.

 

Nuvole errabonde, nuvola tremebonde.

 

Bianchi cirri affastellati

 

che sfiorate le cime dei pioppi,

 

muta cornice alle lente e basse

 

acque del  fiume.

 

Com'è cupa la giornata, oggi,

 

16 Agosto, giorno d'estate,

 

grigia e incerta metafora

 

tra la luce dell' anima mia

 

e il buio del mio affannato cuore.

 

Nel silenzio del bosco,

 

 guardo, assorto nei cirri della mia mente,

 

la riva limacciosa e i radi arbusti che seguono il corso

 

irreversibile della corrente...

 

e penso ai destini che incontro

 

 irreversibili, a volte, anch'essi 

 

come quel flusso  inesorabile e muto.

 

Non si risale la corrente.....

 

non si risale la corrente....

 

non si può risalire la corrente....

 

Sic est!!












Altre opere di questo autore