angeli

Gli angeli non hanno sesso

e si appoggiano alle porte

e deglutiscono luce

diretta come laser

dalle anime rosse

che evadono da noi

emanazioni luminose

nei capelli incollati al viso

nelle gocce di sudore

mentre stesi nel rotto ricordo

d'un ipnotico cullare

li induciamo ad aprir le ali

-gli angeli son senza pudore-

e appoggiati ai muri di nuvole

toccarsi il cervello e ansimare...

nello stesso istante

angeli e demoni

uomini e cose

salgono in ultrasuoni

nelle maree del dolore

confuso nel bianco traslucido

del tuo sudore sulla mia lingua.

 

Perdersi tra gli angeli

richiede poco sforzo

basta un paio d'occhi

e un luogo buio.

 

*pirdit co'i angei : espressione dialettale tipica per sottolineare un atteggiamento “sulle nuvole”.

 

 

Altre opere di questo autore