Il pirata

Il pirata

Le parole che ho detto alla fine di questa estate
Sono d'accordo che erano contorte...
Lo diventano quanto uno a paura di perdere qualcosa di grande
Come l'amicizia,
quel che è successo !!
è l'evoluzione che i mortali chiamano amore:
ma non è amore è il senso,
di un tempo che è stato  nostro ...
non morirà mai.

Come un profumo infinito di un fiore  esotico
Di rara  bellezza
Questo è il senso dell'amore
il senso stesso di essere al disopra
un amore sottile e cavalleresco.

Sono stato un bugiardo a dire che non sono state piacevole le vostre carezze
Non potrò mai dimenticarle
Sotto le stelle
La stella cadente che vidi pregai che non finiva mai.
Sono stato un bugiardo a dire che non cambiavo mai
Cambiavo giorno dopo giorno
Dall'epomeo  al mare.

Dopo questa evoluzione ti sei fidata di me
Non rifiutandomi non respingendomi
Hai rafforzato la grandezza di questo senso...  
 E come un pirata sotto la luna
La luna di tutte le notti
Con la chiglia sfioro i mari
Come le dita su un corpo di donna
Furtivo di sguardi custodirli in forzieri  nei nascondigli del cuore  
Come un pirata guardo le stelle come tutte le notti fossero agosto
Senza dire niente se noto una cadente  il  mio desiderio
Deve rimanermi dentro come una gemma rubata
Ad un sultano dai mille castelli.
Questo è il senso
Tempeste di neutroni  petali di rose bianche
La foga  la paura
L'amore che dovrò insegnare
Dal più piccolo al più grande
Dagli abissi alla montagna
    Come sono fortunato
               Sono molto fortunato.
Vito vitaliano iacono   


DAI CANTI DI NICOTRA

Altre opere di questo autore