Amante

Amante Vengo dall?ennesimo viaggio tortuoso percosso dal sangue del inchiostro, come l?acqua dei fiumi che percuote la ghiaia. Nessuno piange il mio essere solo mentre io piango il mondo, voglio rivedermi sotto il tuo vestiario ti voglio amante : come un cane annusare i tuoi capezzoli scrutando i pori: crateri come quelli della luna. Ti voglio amante questa sera, ne moglie ne amica Ti voglio in un raggio di luna come un laser incidermi parole d?amore. Ed imparer? ancora piangendo come amante nel tuo cuore, e salirti dai piedi ai capelli, forgiarti nella mia angoscia e bilanciare il mondo con un tuo amabile sorriso. Vito Iacono 20 ago 2004 Poesia d?amore

Altre opere di questo autore