UNA FRASE PER RIFLETTERE

È dolce quello che tu mi dici, ma più dolce è il bacio che ho rubato alla tua bocca.

Schola armaturarum

woquini

Per ben due volte v’hanno ucciso,

non è più la sbraitante plebe

che decreta la vostra morte,

né l’invidia per i trofei

lasciati appesi per i posteri,

la vostra casa più non vibra

di canti e tintinnar di spade,

né beffardo risuona il riso

del reziario che scansa il trace

né l’ansimar del mirmillone

che gravato insegue il sannita;

pietre salvate dal Vesuvio

e sprazzi di rosso raccontano

storie con vite crocifisse,

finché l’eunuco qui non giunse

a dare lustro alla sua ignavia,

immeritevole proconsole

d’un Cesare, da Bruto in fuga,

e voi, che via dalle miserie,

scrutate chi nel tempo arriva

date ancora lustro alla casa,

fate risuonare gli scudi

con spade rose dalla ruggine;

che raggiunga Roma il fragore!

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Dedica
Opere pubblicate da questo autore: 361
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative