Non sar? mai un altro giorno

Un giorno diverso non sar? mai, all?istante puoi cessare il tuo lamento ed iniziare, a scordare i tuoi guai senza commento. T?attirano i bei versi con la rima fino a coinvolgere perfino i sensi, finch?, delusa, torni come prima, ma poi ci pensi. E seguiti a mistificar le forme: mare, stelle e luna, son retorica che del p?etare perseguon l?orme, checch? tu dica. Cessa d?incolpare la tua sfortuna, e lascia questo tipo di malia, il poeta non s?incatena, ad alcuna malinconia, e se questo accade, lui poi t?ignora ch? sol la Musa prende come amante e mentre il core tu struggi ora in ora, lui sta distante. woquini 3.08.2005

Altre opere di questo autore