Siedi, ascoltiamo

Siedi accanto a me e ascoltiamo le nostre voci lentamente, poi in crescendo come musica che sale dal profondo di un abisso sconosciuto, irreale, che non possiamo capire. Ancora. Ascolta il rumore, della terra che scivola sotto i nostri piedi nudi; ? un giorno speciale oggi per noi, che parliamo in silenzio, nel caos della vita che ci circonda. Attendi. Il mio silenzio, ? un lungo discorso che non so finire da solo; mi mancano le parole per chiosare la luce che s?impossessa di noi, seduti su questo sasso. Ascolta. La voce dentro di noi, che adesso ride mentre ci guardiamo negli occhi e scopriamo per la prima volta che ? qualcosa di nuovo. woquini 15.2.2004

Altre opere di questo autore