UNA FRASE PER RIFLETTERE

Finché sarai fortunato avrai molti amici; se i tempi si faranno bui, resterai solo.

In me c'era un angelo

alessiadilorenzo
Un lieve fruscio, una nuova vita, chiedeva la tua carezza di mamma. Una tenera foglia, un germoglio troppo delicato, per tenerlo in te. Non volevi nulla intorno che ti ricordasse un passato vicino. Come potevi tu, infelice, che cercavi ogni attimo la morte? dargli la vita. Hai cercato, invano, di stringerlo nel caldo del cuore. Se n?? andato in silenzio con il primo freddo. Le sue tenere ali, non erano fatte per volare in questo mondo. Tu troppo stanca per trattenerlo l? hai lasciato scivolare via senza reagire. Mentre lacrime amare ingoiavi nel settico letto straniero, sola, lontano dal mondo, chiusa nel tuo dolore, guardavi fuori da un vetro opaco, come la tua vita; pregando in silenzio, chiedendo perdono per la tua fragilit?, per il vuoto eterno del tuo ventre spoglio, ormai nudo come i rami di un albero secco, che non dar? pi? frutti.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Amore
Opere pubblicate da questo autore: 42
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative