UNA FRASE PER RIFLETTERE

Chi ti dà una serpe quando chiedi un pesce, può darsi abbia solo serpi da dare. La sua, dunque, è generosit√†.

Kahlil Gibran

Il perdono dell'Angelo

Alessandro Moschini

Madre
sono stanco
sono giunto al confine
di questa terra di mezzo
che separa la luce
dal buio dell'anima
dove tutto è steppa
e ho lasciato cadere
dalle tasche le mie certezze
e i miei sassi
usati per colpire le stelle.

In ginocchio
abbasso la spada
del mio ego
e bacio piangendo la terra
di questo confine con le tue mani
ma solo terra in bocca mi trovo
calda come la cenere
da cui veniamo
e da cui torneremo.

Assorbimi in te
a risucchiare e annientare
i miei errori di fragile uomo
che chiede perdono
e che anela nell'oblio
di questo deserto
di polvere di me stesso
la tua mano adorata
ad accarezzagli la testa
mentre il vento si alza
a sollevare polvere e rimorsi.

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 38
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative