UNA FRASE PER RIFLETTERE

L'aforisma non coincide mai con la verità: o è una mezza verità o è una verità e mezza.

Il volo

Annalisa Abbate
Avevo pensato fossi un uccello che volava libero nell'aria avevo creduto di vederti planare nel silenzio su verdi praterie avevo visto spiegarsi le tue grandi ali e volteggiando nel cielo raggiungere le pi? lontane altezze e come per dissetarti di tanto in tanto avresti sorvolato rasente il suolo e sfiorato i ruscelli assaporando le fresche acque trasportato dal vento ero convinta che nulla ti avrebbe fermato nulla avrebbe scalfito i tuoi pensieri non sarebbe stata di certo la nube nera che porta la pioggia maligna n? sarebbe servito il gelo del lungo inverno Ti vedevo cos? ... solo contro tutti strano ... ma senza paura Poi un giorno ho visto i tuoi occhi tristi abbassarsi lentamente ed ho capito nel lucido chiarore del tuo sguardo... forse le lacrime tradivano il dolore ed ho capito non esiste nessuno che voglia restare solo nel mondo nessuno ? disposto a pagarne il prezzo le tue parole rivolte altrove le tue lacrime lontane portavi una breccia nell'anima colma di sofferenza ed io sparivo nel nulla chiedivi invano conforto per lenire le ferite ma .come un'eterna maledizione quelle ferite non guariscono mai.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 24
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative