UNA FRASE PER RIFLETTERE

Nessuno si è mai ammazzato perché non riusciva ad amare il prossimo suo come sé stesso.

ciao Cate

Caterina Certa
Ciao Cate, oggi mentre guidavo un flash di ricordi ? apparso ai miei occhi e ti ho vista, facevi capolino con i tuoi capelli corti e scuri, gli occhietti vispi, secca secca, le gambette nervose sempre pronte a scattare,e a difendere il fratello pi? piccolo, che a volte addirittura ti chiamava mamma. Ti vedo zampettante, curiosa,attenta a scrutare gli occhi di chi stava di fronte per cogliere anche il minimo sentimento ,gi?.... fin da piccola, ma, dentro di te c'era sempre come un velo di tristezza, perch? Cate? Dicevano di te, (cose raccontatemi), che eri come un folletto, un raggio di sole,e pur non facendo nulla di particolare trasmettevi simpatia Chiss? come facevi Cate, forse era quell'aria seria, seria, che si allargava poi in un sorriso, forse perch? pronta e disponibile? Cos'era Cate che ti rendeva luminosa? Quando ti vedo sento tristezza, un senso d'impotenza mi stringe il cuore,per uno scricciolo affannato a rincorrere, a sognare, a tentare di capire, mi sento sconfitta per la mia incapacit? di non averti dato il sostegno necessario per capire e realizzare le tue aspirazioni, mi dispiace e ne soffro. Cate s? che non avr? mai risposte perch? dovrei darle a me stessa. Ora torno alla frenesia di tutti i giorni, ma s? che di tanto in tanto t'affaccerai con i tuoi occhietti vispi e curiosi,che non chiedono nulla. Ciao Cate bimbetta dai capelli corti e dalle gambette scattanti.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Introspezione
Opere pubblicate da questo autore: 148
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative