UNA FRASE PER RIFLETTERE

Una parola muore appena detta: dice qualcuno. Io dico che solo in quel momento comincia a vivere.

Caro pap?...

Clarissa Costanzo
Caro pap?, ti scrivo da un'isola deserta dove mi hai portato tu. Stringevi la mano alla vita, me l'hai presentata ed io l'ho amata. Mi hai rimproverato perch? non ti ho portato con me, e poi hai pianto , in silenzio, unendoti a me. Hai bussato alla mia porta, troppe volte fin adesso, spera sempre di potermi rivedere, spera sempre che io ci sia. Pap? l'isola che sogni ti aspetta, l'ho lasciata l? per te, su quella scrivania, dove l'hai dipinta tu, tra schizzi di colori, che riflettono la luce, io aspetter? la tua felicit?, ma ora... Il vento del deserto che porta l'infinito delle sue sabbie, scivola tra le dita e pone un unico quesito, caro pap?... Quante pene ha questa vita? A mio padre, artista di pittura e eterno sognatore, da cui probabilmente ho ereditato la passione spietata per la poesia.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Dedica
Opere pubblicate da questo autore: 105
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative