UNA FRASE PER RIFLETTERE

E' duro, senza dubbio, non essere più amati quando si ama; ma niente in confronto a essere ancora amati quando non si ama più.

LO SPECCHIO IN FACCIA

Claudio Leplan

Ridi pagliaccio,
fammi restare di ghiaccio
ridi di questo tramonto così intenso
di questo verso banale e melenso
dei fiori che crescono sui prati
ridi dei pazzi e dei disperati
ridi se uno inciampa con le parole
ed ha il cuore sotto le suole
ridi di tutto ma non di te
e del tuo giudizio...

Ridi pagliaccio
rovescio il tavolo degli invitati
che poi chi mai li ha convocati,
ridi dei truffati e dei derubati
ridi dei reietti e dei relitti
degli inflitti e degli afflitti,
ridi dei vecchi abbandonati,
ridi dei bambini maltrattati,
ridi se uno vede nella pioggia il sole
ed ha il cuore dove più duole,
ridi di tutti ma non di te
e del tuo giudizio...

Ridi pagliaccio,
ridi di questo mio abbraccio,
della differenza tra scherzo e scherno
come dire tra la gioia e l'inferno
e non è nel suono di una consonante
che il significato è più che distante,
ridi dell'amicizia ridotta a carta straccia
ridi pure dello specchio che ho in faccia
fatto per riflettere solo il tuo vuoto
di fronte a questo infinito a te ignoto
contrapposto al tuo precipizio
che ride di te e del tuo giudizio!


Note: "Ridi pagliaccio" è una citazione dell'opera "I pagliacci" di Leoncavallo

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 93
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative