UNA FRASE PER RIFLETTERE

La lettura è un atto necessariamente individuale molto più bello dello scrivere.

Italo Calvino

Disteso sull' arenile

Claudio51
Disteso sull' arenile
mi facevo lambir
dalle deboli onde
biancastre, spumeggianti.

Purpurei abbagli ardevano,
si sfumavano in arancioni
luminosi e gialli dorati, carmi
di canzonette anni sessanta
entravano nella mia mente
partoriti dal mio cuor,
proiettando immagini liete,
ricordi della perduta giovinezza
dissipati nel caldo baglior
del tramonto.

Nella gioia di ritrovarmi
sorridente nella discesa del sole,
pronto con la sua veste d' oro
a nascondersi
nel confin del cielo di Ponente,
rivestito del fuoco della vita
nella creazione di un sogno
che ancor ci vede protagonisti
e artefici del nostro destino.

Del proseguimento o estinzione
della razza umana in un Mondo
che può proseguire anche senza
le nostre mani e la nostra mente
creatrice.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE:
Opere pubblicate da questo autore: 314
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative