UNA FRASE PER RIFLETTERE

Non c'` dolore più grande della perdita della terra natia.

  Si scrivono da sole le parole
nel foglio bianco di un'alba in ritardo
la notte al giorno ancora regge il viso
la vita scorre nuda in questo abbraccio

al fianco di una strada polverosa
impugno stretta l'ascia dissepolta
il fumo delle case in lontananza
tratteggia il totem della nuova era

e intanto il mondo avanza
dentro le sabbie mobili
della staticità.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Dedica
Opere pubblicate da questo autore: 57
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative