UNA FRASE PER RIFLETTERE

La guerra più terribile è quella che deriva dall'egoismo, e dall'odio naturale verso altrui, rivolto non più verso lo straniero, ma verso il concittadino, il compagno.

Giacomo Leopardi

Il Viandante

Daniele Salvatelli
Tristo va il viandante cingendo valli e fiumi d'oblio; disacerbando le sue atroci piaghe non vede le labili strade che il suo piede tocca. Come la civetta che il d? rinnega e che, nella notte, resta in attesa: egli va strofinando le sue ruvide mani sul dorso di gatti di cristallo. La consapevolezza del suo ozio non gli nega il piacere della nera volutt?, e ingordo riempe il suo stomaco di speranze amaramente distillate. -Anima, Disperditi! Cuore, Inaridisci! Mente mia Regredisci! Questi i suoi pi? grandi desideri: Essere sepolto dalla neve imperturbabile d'inverno, e spirare attonito ed inghirlandato dalla natura a primavera. Ma a nulla vale il silenzio nella sua anima.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 30
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative